martedì 8 ottobre 2013

non tutto è perduto

Questo sabato mattina dovevo andare come al solito con Bruno in pesca,ma alle due di mattina vengo svegliato dalla forte pioggia che batte sulle finestre della camera,dò uno sguardo fuori e c'è una bufera in corso,faccio un messaggio a Bruno che stiamo a casa, e mi rimetto a dormire.Alle otto e mezza vengo svegliato da Bruno che mi invita ad uscire lo stesso,detto fatto alle nove siamo già in direzione di pesca è tardi di solito a quest'ora abbiamo già finito di pescare.Arrivati sul luogo diamo uno sguardo alle condizioni dell'acqua e sembrano discrete solo un pò velate dalle piogge,ci scegliamo la postazione ideale, che è sempre la stessa!Io ho subito 5 mangiate di fila ma non riesco a portare a riva niente,mentre Bruno con la solita gomma  ne prende due di taglia media.Strano sono ancora in caccia,  sono le dieci e mezza finalmente ne incanno uno bello sul raschio è un aspio importante per me che mi consente di arrivare finalmente a quota mille,sinceramente pensavo di arrivarci prima ma le cose vanno come vanno.Dopo una pausa di venti minuti di catture ricomiciano alla grande,alla fine ne porto a riva 7 di buona taglia,mentre Bruno forse qualcheduno di più ma di taglia inferiore a mezzodi' smettiamo,ma solo per inpegni famigliari, gli aspi erano ancora attivi e ben disposti verso le nostre esche.Che dire, una bella mattinata ,umida partita tardi quasi persa,val sempre la pena di alzarsi dal letto.







Nessun commento:

Posta un commento