lunedì 19 gennaio 2015

La maledizione dello spinner

Sono molti anni ormai che pratico più o meno assiduamente la pesca a spinning,nell'arco degli anni ho dovuto giocoforza adeguarmi hai cambiamenti delle prede presenti ho iniziato  allora  quattordicenne  ai lucci,poi sono passato ai bass,ai cavedani e trote,ai perca ai persici ,alle cheppie,ai siluri e agli aspi.ora ho passato i cinquant'anni da un pò,di soddisfazioni ne ho avute,di pesce ne ho preso parecchio,ma c'è un ma che mi rode è la maledizione dello spinner!Di cosa si tratta direte voi?E' che sempre più spesso i posti buoni per una ragione o l'altra vengono a mancare,in primis la pressione di pesca,una volta si arrivava al w.e. e il pesce non era stato disturbato per tutta settimana e come si arrivava ci si divertiva; ora.... c'è gente tutti i giorni della settimana, si capisce da se che  la resa è crollata.Poi ci sono messi a fare opere pubbliche a tutto spiano rovinando parecchi spot,ora i posti buoni che rendono sono rimasti quasi al niente.Questo è per me e i miei compagni d'avventura.Quand'ero ragazzo sempre alla ricerca dei bass Mantovani,i veci dei posto mi dicevano sempre una volta era meglio!E dentro di me mi dicevo questi veci....Ora tocca a me a pronunciare la stessa frase





Nessun commento:

Posta un commento